Mini Lifting - Vincenzo Del Gaudio

CHIRURGIA ESTETICA

Mini Lifting

Il mini lifting è una procedura più ridotta rispetto al lifting tradizione poiché si concentra su un’area limitata del viso, ovvero quella medio-bassa che coinvolge le guance, la zona delle labbra e il mento.
L’obiettivo di questo intervento è l’eliminazione delle rughe e del rilassamento cutaneo che spesso si traduce in guance cadenti e doppio mento, a favore di un viso tonico, più giovane e riposato.

Il candidato ideale

Questo tipo di procedura è una soluzione efficace e duratura, meno invasiva in termini di esecuzione e cicatrici rispetto al lifting tradizionale, per il ringiovanimento dell’area bocca – mento – guance in cui si possono presentare lassità cutanee e le cosiddette rughe a “codice a barre” e a “ragnatela”.
L’età media dei pazienti parte dai 40 anni. Bisognerà essere relativamente in buona salute (meglio evitare in casi di ipertensione arteriosa, diabete e malattie coronariche).

  • A chi si rivolge: uomini e donne a partire dai 40 anni
  • Durata intervento: da 1 a 3 ore
  • Anestesia richiesta: locale con sedazione
  • Effetti: permanenti, salvo naturale invecchiamento
  • Tempi di recupero: 1 settimana
  • Pienezza del risultato: 1 mese
  • Costo: a partire da € 6.000 (secondo ampiezza e difficoltà dell’intervento)
  • Dove: Firenze, Roma, Trento, Torino, Palermo, Verona, Reggio Emilia, Parma.

Il pre operatorio, la procedura chirurgica e il post operatorio

Prima di procedere all’intervento, il chirurgo effettuerà in sede di visita un attento esame clinico generale e dovrà verificare l’eventuale presenza di problemi riguardanti gli occhi, lo stato delle guance, il grado di elevazione che si desidera ottenere, nonché la qualità della cute, del sottocute, delle ossa e dei muscoli.
Il paziente, oltre a dover effettuare i controlli richiesti, sarà tenuto a rispettare le tradizionali indicazioni pre-operatorie assegnate come, ad esempio, la sospensione della nicotina e dell’aspirina.
La procedura si effettua in day surgery: non è previsto, dunque, un ricovero preparatorio o successivo all’operazione.
L’intervento si esegue in via endoscopica, a partire da due incisioni nascoste dietro le orecchie o nel sottomento e con anestesia locale per un’invasività minima ed esiti cicatriziali maggiormente ridotti, seppur venga coinvolta anche la parte muscolare profonda per garantire sostegno e turgidità al risultato finale.
La procedura impiega circa 2 ore al quale si aggiunge del tempo nel post operatorio per effettuare un mini drenaggio degli esiti cicatriziali.
Nella prima fase di guarigione potrebbero presentarsi, seppur in casi rari e in via transitoria, gonfiori o difficoltà correlate alla mimica facciale.
Il raggiungimento del completo risultato e i tempi di pieno recupero saranno comunque brevi: già in tre o quattro settimane si potrà tornare alla vita di sempre e all’attività sportiva.

Richiedi Informazioni
Ai sensi e per gli effetti del Regolamento Europeo 2016/679 in materia di Protezione dei Dati Personali, autorizzo Vincenzo Del Gaudio al trattamento dei dati personali inseriti nel presente modulo. Per maggiori informazioni leggi qui Privacy Policy

Illustrazioni intervento

New title

Possibili rischi e complicanze

Come in ogni procedura chirurgica, potrebbero presentarsi delle complicanze nel post-operatorio. Tuttavia, in questo caso, si tratta di un basso tasso di probabilità e di rischi di lieve entità quali ematomi, sanguinamento, dermatiti o infezioni, queste ultime curabili attraverso terapia antibiotica. Nel peggiore dei casi, potrebbe avverarsi un danneggiamento del nervo facciale, ma si fa sempre affidamento sulla preparazione del chirurgo.

Contatti