Mastoplastica Riduttiva - Vincenzo Del Gaudio

CHIRURGIA ESTETICA

Mastoplastica Riduttiva

La mastoplastica riduttiva è la procedura chirurgica finalizzata alla riduzione delle dimensioni di un seno troppo voluminoso, cadente e che, talvolta, presenta un’asimmetria.

Il candidato ideale

Le donne che decidono di sottoporsi a questo intervento sono condizionate da ipertrofia, gigantomastia e ptosi mammaria per causa genetica, costituzionale o da forte ingrassamento e, principalmente, sono mosse dal desiderio di liberarsi dei problemi che il peso di un seno maggiorato comporta: mal di schiena, affaticamento, problemi di respirazioni, dermatiti da sfregamento e ulcerazioni nella piega sottomammaria. Altre ragioni possono essere dettate dall’ambizione di risolvere problemi estetici correlati alla vita di coppia e sociale, alla semplice scelta di un giusto reggiseno su misura o di alcuni capi di abbigliamento.
La mastoplastica riduttiva è sconsigliabile a donne soggette a problemi coronarici o di coagulazione e diabetiche.

  • A chi si rivolge: donne a partire dai 18 anni
  • Durata intervento: dalle 2 alle 4 ore
  • Anestesia richiesta: locale con sedazione o generale
  • Effetti: permanenti
  • Tempi di recupero: 3 giorni
  • Pienezza del risultato: da 1 a 6 mesi
  • Costo: a partire da € 7.000 (secondo ampiezza e difficoltà dell’intervento)
  • Dove: Firenze, Roma, Trento, Torino, Palermo, Verona, Reggio Emilia, Parma.

Il pre operatorio, la procedura chirurgica e il post operatorio

In sede di visita, il chirurgo effettuerà un esame obiettivo per valutare la fattibilità dell’intervento e prescriverà determinati esami fondamentali per accertarsi della buona salute della paziente: ordinariamente esami ematici, elettrocardiogramma ed eventuale mammografia.
La paziente, inoltre, dovrà rispettare le tradizionali indicazioni pre operatorie assegnate dallo specialista, come quella di evitare la nicotina o di non assumere aspirina. La procedura si effettua in day surgery, in rari casi sarà necessario il ricovero di una notte.
Prima dell’operazione, che orientativamente richiede da 2 ad un massimo di 4 ore, la paziente verrà anestetizzata dall’apposito specialista per via generale con intubazione o locale con sedazione.
Da quel momento, il chirurgo plastico procederà alle incisioni che saranno più o meno estese a seconda del problema. In questo modo il chirurgo eliminerà il tessuto cutaneo e mammario in eccesso, risollevando il seno e suturandolo. Apportati i punti, di natura prevalentemente riassorbibile, il chirurgo fascerà la zona operata e vestirà la paziente del proprio reggiseno contenitivo che dovrà indossare dalle 2 alle 4 settimane.
Nei primi giorni successivi all’intervento la paziente dovrà rimanere a riposo ed evitare sforzi, il sollevamento di pesi (anche di media entità, compresi bambini) e la doccia fino al primo controllo che seguirà circa 7 giorni dopo l’intervento.
I dolori saranno soggettivi, ma facilmente gestibili con un antidolorifico che verrà prescritto insieme alla cura antibiotica e antiinfiammatoria onde prevenire complicazioni.
All’inizio, la paziente potrà accusare la presenza di lividi, gonfiore e perdita della sensibilità, ma il tutto svanirà progressivamente nell’arco dei giorni successivi.

Richiedi Informazioni
Ai sensi e per gli effetti del Regolamento Europeo 2016/679 in materia di Protezione dei Dati Personali, autorizzo Vincenzo Del Gaudio al trattamento dei dati personali inseriti nel presente modulo. Per maggiori informazioni leggi qui Privacy Policy

Illustrazioni intervento

New title

Possibili rischi e complicanze

Rischi e complicanze con questo tipo di intervento sono rare o di bassa entità, facilmente risolvibili con apposite cure o eventuali ritocchi. Tuttavia, si potrebbe parlare di infezioni o problemi di cicatrizzazione (ragion per cui si raccomanda di evitare la nicotina), ematomi, asimmetrie o perdita della sensibilità del capezzolo o dell’areola.

Foto interventi

New title
Contatti